.
Annunci online

melamangio
attualità, sport, politica , internet.... e tanto altro
13 dicembre 2007
Boca come Liverpool: E' l'ora della rivincita !!!


I rossoneri in caso di finale con gli argentini potrebbero vendicare la sconfitta del 2003 e conquistare così il 18esimo titolo internazionale. Nel passato già tre vittorie, ma nelle ultime tre edizioni è andata male.
L'obiettivo è il poker. Quello fallito il 14 dicembre 2003 nella partita persa ai rigori con il Boca Juniors. Era la coppa Intercontinentale, trasformata poi in Mondiale per club. Considerando il torneo la prosecuzione naturale della storioca sfida secca tra Europa e Sudamerica, al Milan viene offerta su un vassoio d'argento la possibilità di riscattare quella sconfitta.
PRIMATO MONDIALE - Perché, a meno di stravolgimenti tattici, in finale i rossoneri dovrebbero giocarsela proprio contro il Boca Juniors, vincitore dell'ultima Libertadores. In caso di vittoria il Milan aggiungerebbe un nuovo trofeo nella sua prestigiosa bacheca e diventerebbe la squadra che al mondo ha vinto di più. A livello internazionale la squadra rossonera ha infatti conquistato, proprio com il Boca, 17 trofei internazionali (7 coppe dei Campioni, 3 coppe Intercontinentali, 2 coppe delle Coppe, 5 Supercoppe europee). A Yokohama la leggenda potrebbe prendere il largo.
Tre trionfi e quattro brucianti sconfitte. È questo il bilancio del Milan nelle sette finali della coppa Intercontinentale (la madre del Mondiale per club) disputate finora dai rossoneri (nessuna squadra ha fatto meglio). Dopo aver perso la prima sfida nel 1963 contro il Santos, il Milan si è riscattato infilando un fantastico tris (1969, 1989, 1990). Poi i tre ko consecutivi con San Paolo (1993), Velez Sarsfield (1994) e Boca Juniors (2003).
1963 - PELÈ E L'ARBITRO BROZZI - Contro il Santos di Pelè, il Milan vince 4-2 la gara d'andata a San Siro (doppietta di O'Rey). I rossoneri vanno in vantaggio 2-0 anche nel ritorno al Maracanà, ma alla fine perdono 4-2 anche a causa di alcune decisioni discutibili dell'arbitro argentino Brozzi. Sempre a Rio de Janeiro, il San Paolo vince 1-0 lo spareggio con un rigore quantomeno dubbio assegnato ancora da Brozzi. "Non è calcio, è guerra", dichiara alla fine il tecnico rossonero Luis Carniglia.
1969 - LA CONSACRAZIONE DI RIVERA E ROCCO - Arriva il primo trionfo del Milan dopo il doppio confronto con l'Estudiantes. L'8 ottobre, a San Siro, la squadra di Rocco si impone 3-0 grazie alla doppietta di Sormani e al gol di Combin. Due settimane dopo, nella gara di ritorno giocata alla Bombonera di Buenos Aires, i giocatori rossoneri sono oggetto di una vera e propria caccia all'uomo. Prati e Malatrasi sono costretti ad uscire per infortunio e Combin, colpito da un pugno del portiere Poletti, viene arrestato all'uscita dello stadio. L'Estudiantes dell'ex ct argentino Bilardo e del padre di Juan Sebastian Veron, però, vince solo 2-1 (a segno Rivera).
1989 - LA PUNIZIONE DI EVANI - Allo Stadio Olimpico di Tokyo, il 17 dicembre il Milan di Sacchi batte i colombiani del Nacional Medellin (Maturana in panchina, Higuita in porta) grazie a una punizione di Evani al 119'. Dopo la Coppa dei Campioni conquistata contro lo Steaua Bucarest, la squadra rossonera conferma di essere un gruppo destinato a vincere a lungo. Di quella squadra fanno parte, tra gli altri, Maldini, Costacurta, Baresi, Ancelotti, Donadoni, Rijkaard e van Basten.
1990 - UN BIS DA LEGGENDA - Con il secondo successo consecutivo, la squadra di Sacchi entra nella leggenda del calcio. Il 9 dicembre, a Tokyo, i rossoneri si sbarazzano senza problemi dell'Olimpia Asuncion (3-0, doppietta di Rijkaard e gol di Stroppa). Solo Santos (1962 e 1963), Inter (1964 e 1965) e San Paolo (1992 e 1993) hanno indovinato una doppietta consecutiva come i rossoneri.
1993 - CAPELLO KO CONTRO CAFU E LEONARDO - Il Milan gioca la finale al posto del Marsiglia (vincitore della Champions League) dopo uno scandalo per corruzione che investe il presidente della squadra francese, Bernard Tapie. La squadra di Capello è favoritissima, ma il 'vecchiò Toninho Cerezo trascina il San Paolo alla vittoria (3-2, gol rossoneri di Massaro e Papin). Della squadra brasiliana, allenata da Telè Santana, fanno parte l'ex granata Muller, e due giovani dal futuro luminoso: un terzino veloce e costantemente proiettato all'attacco, Cafu, e un attaccante esterno dalla tecnica sopraffina, Leonardo. Diventeranno entrambi rossoneri.
1994 - QUESTA VOLTA RIDE BIANCHI - I favori del pronostico sono ancora per il Milan, ma la squadra di Capello crolla 2-0 contro il Velez Sarsfield di Carlos Bianchi. Da sottolineare la disastrosa prova di Costacurta, che causa il calcio da rigore con cui gli argentini passano in vantaggio (gol di Trotta, che Bianchi porta poi alla Roma) e viene anche espulso.
2003 - PIRLO-SEEDORF-COSTACURTA, ERRORI FATALI - È la seconda beffa di Carlos Bianchi ai danni del Milan. Il Boca Juniors (in campo il futuro interista Burdisso e Tevez) batte i rossoneri ai rigori dopo le reti nel primo tempo di Tomasson e Donnet. Decisivi gli errori di Pirlo, Seedorf e Costacurta, mentre tra gli argentini sbaglia solo Battaglia.



permalink | inviato da mexicangol il 13/12/2007 alle 21:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

Ultime notizie

News giuridiche

Get news | Archivio News


alt

alt

alt

alt

alt

alt

alt

alt

alt

alt

alt

alt

alt




IL CANNOCCHIALE