.
Annunci online

melamangio
attualità, sport, politica , internet.... e tanto altro
14 gennaio 2008
Ancelotti: "No a Dinho.Noi abbiamo già Pato"
Il tecnico del Milan si coccola il giovane brasiliano, ieri sera in gol all'esordio, e non solo: "A sprazzi ha dimostrato tutto quello che sa fare: grande velocità, coordinazione e rapidità al tiro. Ma più di tutti mi ha sorpreso Ronaldo"
 L'esultanza di Pato per il gol del 5 a 2 rossonero. Ansa
L'esultanza di Pato per il gol del 5 a 2 rossonero. Ansa
MILANO, 14 gennaio 2008 - "Ronaldinho non arriverà, abbiamo Pato". Carlo Ancelotti si coccola il suo nuovo gioiello, che ieri ha esordito col botto. Un gol contro il Napoli nella prima gara con la maglia rossonera: il 18enne è stato promosso a pieni voti. "È un ragazzo molto freddo, molto maturo. Aveva tanta voglia di giocare, ha gestito la situazione con grande tranquillità", racconta il tecnico del Milan ai microfoni di Radio Anch'io Sport. "Io gli ho dato solo la sicurezza che avrebbe giocato appena risolti i problemi burocratici. Prima della partita non gli ho detto assolutamente niente: non aveva bisogno di sollecitazioni particolari", prosegue Ancelotti. "A sprazzi, ha dimostrato tutto quello che sa fare: grande velocità, coordinazione e rapidità al tiro. Questo è Pato". Il debutto del teenager ha coinciso con lo show, per certi versi inatteso, di Ronaldo. Il numero 99 finalmente ha superato i problemi muscolari che lo hanno condizionato nella prima metà della stagione. "Pato ha trovato una sponda giusta: la prestazione di Ronaldo è stata la più sorprendente, visto che arrivava da una lunga inattività. Dal punto di vista fisico non è stato straordinario, ma la classe è sempre la stessa".
RONALDINHO NON ARRIVA - Con una punta in più a disposizione, il Milan è destinato ad abbandonare il tradizionale schema ad "albero di Natale": "Abbiamo perso un po' l'abitudine a giocare con 3 attaccanti. Ora dobbiamo ritrovare un po' più di equilibrio: ci riusciremo con il lavoro. Abbiamo molti impegni, a gennaio giocheremo ogni 3 giorni. È importante avere tutti i giocatori a disposizione per poter alternare gli uomini. In alcuni momenti abbiamo avuto solo 2 attaccanti e questo ci ha penalizzato, soprattutto in certe gare casalinghe. In molti match abbiamo potuto schierare attaccanti potenti ma poco abili negli spazi stretti". L'arrivo di Pato toglierà inevitabilmente spazio agli altri elementi del reparto offensivo. "Tutti potranno dare il loro contributo: non si può pensare che Ronaldo giochi tutte le partite". Messaggi per Gilardino: "È giovane, ha dalla sua parte l'età e la freschezza". Una battuta per Filippo Inzaghi: "Ora ha qualche problema. Abbiamo fatto un accordo, giocherà solo le finali...". Da qui a giugno si vedrà un Milan a trazione anteriore. "La filosofia della società è sempre stata la ricerca di un gioco redditizio e divertente. Ci proviamo sempre, tenendo presente che l'equilibrio è la base per ottenere successi".
NEW ENTRY A GIUGNO - Molti dicono che la squadra è vecchia... "La base della squadra ha l'età giusta. L'ossatura base ha sui 28 anni, è ideale per esperienza. Poi piano inseriamo questi giovani. C'è Gorcouff che sta crescendo molto bene. Il prossimo anno smetteranno giocatori importanti e qualche innesto sarà inevitabile. Ma l'ossatura resta affidabile. Maldini ha preso la sua decisione, deve essere rispettata. Sta facendo molto bene anche in un ruolo che dal punto di vista fisico gli dà qualche problema, lo fa da capitano. Ha vinto anche l'Intercontinentale, che non aveva mai vinto". Le piace il "terzo tempo"? "Credo che debba essere obbligatorio all'inizio. Lo ritengo una cosa utile che stempera gli animi prima delle interviste. Poi deve diventare spontaneo. È solo una questione di abitudine".
gasport

Permettetemi di dissentire. Ok Pato ha i numeri del fenomeno, ma una vittoria in casa contro il Napoli non basta per cancellare i mali di un'intera stagione. Ronaldinho è una priorità, nonchè una promessa del presidente e non deve saltare il suo arrivo. Ronaldo è un grande goleador ma fare affidamento su di lui non è possibile. Fisicamente non convince ed ha già 31 anni. Vada per Zambrotta, ma Ronaldinho è imprescindibile.




permalink | inviato da mexicangol il 14/1/2008 alle 14:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

Ultime notizie

News giuridiche

Get news | Archivio News


alt

alt

alt

alt

alt

alt

alt

alt

alt

alt

alt

alt

alt




IL CANNOCCHIALE