Blog: http://melamangio.ilcannocchiale.it

Calciopoli: l'accusa dei pm: "Il sistema Moggi c'è ancora"

La nuova ipotesi di reato è stata formulata davanti al giudice dell’udienza preliminare: "Il sistema Moggi continua a operare e dunque è ancora attivo". Accuse basate su nuova serie di intercettazioni telefoniche del periodo ottobre 2006-marzo 2007
L'arrivo al palazzo di Giustizia dell'avvocato Paolo Trofino, difensore di Luciano Moggi. Ansa
L'arrivo al palazzo di Giustizia dell'avvocato Paolo Trofino, difensore di Luciano Moggi. Ansa
NAPOLI, 15 dicembre 2007 - Si è tenuta al Palazzo di Giustizia del Centro direzionale di Napoli l'udienza preliminare, davanti al gup Eduardo De Gregorio, nei confronti di 37 imputati - dirigenti federali e di società calcistiche, designatori arbitri, e assistenti - coinvolti nell'inchiesta su Calciopoli. Pochi gli imputati presenti in aula: non si è presentato, tra gli altri, Luciano Moggi. "Il sistema Moggi continua a operare e dunque è ancora attivo". La nuova, grave, accusa è formulata nell’aula 112 del palazzo di giustizia napoletano dai pubblici ministeri Filippo Beatrice e Giuseppe Narducci. I due titolari dell’inchiesta su Moggiopoli, iniziata nel 2004, davanti al giudice dell’udienza preliminare, Eduardo De Gregorio, hanno depositato nuovi elementi di prova che riguardano "Luciano Moggi, l’ex vicepresidente della federcalcio Innocenzo Mazzini e altri soggetti fra loro associati". Si tratta di una nuova serie di intercettazioni telefoniche relative al periodo ottobre 2006-marzo 2007 dalle quali si evincerebbe, secondo gli inquirenti, la volontà di continuare a controllare col proprio sistema l’andamento del campionato. Per questo nuovo filone d’inchiesta, ancora in corso, ci sarebbero altri soggetti indagati per associazione a delinquere finalizzata alla frode sportiva. Intanto nell’udienza in camera di consiglio — durata circa un’ora e 30 in una piccola aula strapiena di legali e con pochi indagati presenti (fra questi Lanese e l’arbitro Bertini) — il gup ha raccolto le richieste di costituzione di parte civile che sono ben 19: Coni, Figc, Lega professionisti, Rai, i club Atalanta, Brescia, Lecce, Udinese, Salernitana 1919, l’ex presidente del Bologna Gazzoni Frascara, la giornalista Francesca Sanipoli alcune associazioni di consumatori e anche un abbonato Sky e uno scommettitore Snai, che chiedono il riconoscimento del danno subito. Prossima udienza l'8 febbraio nell'aula bunker di Poggioreale Ticino 1.
Maurizio Nicita
www.gazzetta.it

Non avevo dubbi! Moggi meriterebbe l'ergastolo come Provenzano!

Pubblicato il 16/12/2007 alle 8.36 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web